Stampa

Io sono il pane Io sono il pane della vita; chi viene a me non avrà più fame e chi crede in me non avrà mai più sete. (Giovanni 6:35)

Spesso Gesù usava fare dei paragoni.

In questo versetto si paragona al pane della vita. Il pane è un alimento quotidiano indispensabile per il nostro sostentamento.

Gesù vuole farci capire che senza di Lui non c'è vita.

Il versetto continua con una nuova dichiarazione di Gesù: chi va a Lui non avrà più fame e sete.

Ancora Gesù parla in maniera chiara e comprensibile a tutti, parla di bisogni reali e concreti. Parla di fame e di sete. L'uomo se non mangia e ancor più, se non beve, muore. Gesù utilizza queste figure, ma non parla di fame e sete materiale. Parla di fame e sete spirituale. Non parla della morte fisica, ma della morte spirituale.

Sembra quasi pazzia parlare di fede al giorno d'oggi, in una società dove ognuno fa quel che gli pare meglio, dove non si vogliono regole, dove non si vogliono limitazioni di nessun tipo... non c'è spazio per Gesù è per il suo messaggio di carità e misericordia.

Viviamo solo per accumulare beni materiali e vivere le gioie di questa vita?
Si vive tutto e subito perchè poi la vita finisce... ma siamo realmente convinti che il senso sia racchiuso tutto qui?

La Parola di Dio vuole invitare tutti a riflettere. Finché il Signore ci fa grazia, corriamo a Lui; all'unico pane fonte di vera vita.