Stampa

Tu sei stato pesato... Gesù gli rispose: «In verità, in verità ti dico che se uno non è nato di nuovo non può vedere il regno di Dio». (Giovanni 3:3)

Gesù rivolse queste parole a Nicodemo, un fariseo che visse nello stesso periodo del Signore. Dicendo che "bisognava nascere di nuovo", Gesù non intendeva certo l'atto del nascere di nuovo dal ventre della donna. Ed è questo che Nicodemo non riesce a comprendere. Forse anche voi che leggete non riuscite a comprendere?

Gesù dicendo “nato di nuovo” si riferisce ad una rigenerazione spirituale che porta l'uomo a comprendere di essere un peccatore davanti a Dio, riconoscere l'impossibilità di poter da soli fare qualcosa per cancellare il peccato dalla propria vita, chiedere di essere liberato da questo stato di peccato per rientrare in comunione con Dio Padre e accettare il Signore Gesù come il Salvatore e Signore della propria vita.

Il mondo e forse anche tu, hai festeggiato il natale; ma forse non sai che il vero significato di questo giorno: duemila anni fa, per amore e per compassione verso di noi, Dio ha mandato suo Figlio per salvarci.

L'unico modo per salvarci era che qualcuno senza peccato si sacrificasse al posto nostro. La morte di Gesù non è stata una tragica fatalità! Egli è nato per poi morire e risuscitare dopo 3 giorni, tutto questo per l’umanità.

Che anche tu possa riflettere sul vero significato del natale e che anche tu possa chiedere al Signore di ritornare in comunione con Lui.