Stampa

Pregare..."Quell'uomo credette alla parola che Gesù gli aveva detta, e se ne andò." (Giovanni 4:50)

Cana di Galilea, un uomo va in cerca di Gesù.

Non molto distante a Capernaum si sta consumando un dramma: suo figlio sta per morire.

Chi può leggere l'angoscia, l'ansia e l'amarezza di questo padre? Chi può vedere la speranza che anima questo ufficiale della guardia romana nel cercare il Messia, la sua sola speranza?

Si incontrano ma non c'è molto tempo; sa in cosa sta credendo, sa cosa deve chiedere: Signore il mio figliolo sta per morire.

Ottiene una risposta pronta, autorevole, vera: scendi, tuo figlio vive. L'uomo non esita, crede ed il miracolo della fede ancora una volta si compie.

Tutto l'esistere dell'uomo è impermiato su questo binomio: credere o non credere; tutta la vita degli uomini si riduce infine in un resoconto stringente: ho creduto in Dio onnipotente ed Eterno e pertanto la mia vita è in Lui per l'eternità o non ho creduto e pertanto questa vita altro non è che vanità ed un correre dietro al vento.

Quel padre ha creduto alle parole di Gesù che non hanno mai fallito.